Underwater dress

Underwater dress

Durante la mia vacanza in Puglia Anastasia ha battuto il record di sopportazione delle esigenze di un fotografo poco sano di mente (che ovviamente sarei io).

Da un paio di anni ho iniziato a vedere online fotografie di moda scattate sott’acqua: inutile dire che la cosa mi ha subito affascinato.
Ho sempre desiderato sperimentare con la fotografia subacquea, l’idea di unire al fascino di una modella con un bel vestito l’assenza di gravità mi ha sempre suggerito molti spunti di fotografia di moda.

Fotografia di moda subacquea. Fonte immagine: weandthecolor.com

Fotografia di moda subacquea.
Fonte immagine: weandthecolor.com

Quest’anno finalmente, prima del mio viaggio, mi sono deciso a comprare una macchina fotografica subacquea di fascia bassa per iniziare: una Nikon Coolpix AW100, brutalmente automatica in ogni sua funzione 😀

La compatta Nikon AW100. Fonte immagine: Tony Krup (flickr.com)

La compatta Nikon AW100.
Fonte immagine: Tony Krup (flickr.com)

Nonostante il basso livello dello strumento, la qualità delle pime prove sott’acqua mi ha stupito: dopo i primi esperimenti di fotografia subacquea ero già carichissimo, pronto a sfruttare un vestito comprato al mercato (investimento di 15€) e un velo nero già utilizzato per un altro progetto (alcuni di voi sanno a cosa mi riferisco, altri lo sapranno a breve… 😉 ), nelle limpidissime acque delle scogliere pugliesi.

Questa prima prova di fotografia subacquea mi ha decisamente soddisfatto, nonostante il set improvvisato e l’attrezzatura poco adeguata.
Un notevole passo avanti per i miei progetti di fotografia di moda 🙂

Se state iniziando anche voi, o se intendete avventurarvi in futuro in questo tipo di fotografie in modo “amatoriale” (niente bombole né scafandri subacquei per reflex, per intenderci), ecco alcuni consigli di fotografia subacquea semplici, ma a mio parere preziosi:

  1. Portate sempre con voi una batteria di riserva! Le compatte subacquee, soprattutto quelle con uno schermo ampio, si scaricano in meno di due ore.
  2. Evitate sbalzi eccessivi di temperatura! Non tenete la macchina troppo a lungo al sole o comunque al caldo prima degli scatti: il calo improvviso di temperatura all’ingresso in acqua vi darà fastidiosi problemi di condensa all’interno dell’obiettivo, obbligandovi ad aspettare diversi minuti prima che l’effetto scompaia e la visione attraverso la lente sia di nuovo limpida.
  3. Munitevi di una mascherina! Anche se riuscite a tenere gli occhi aperti sott’acqua, questo non vi permette comunque di vedere chiaramente nello schermo della macchina, e gli occhialini (come quelli da piscina) si appannano e riempiono d’acqua troppo facilmente.
  4. Se l’acqua in cui fotografate non è troppo profonda, portate con voi un oggetto pesante da appoggiare sul fondo (o cercate un appiglio naturale già esistente), a cui potervi “aggrappare” con i piedi: questo vi darà più stabilità, precisione nella messa a fuoco e nello scatto, e vi permetterà di avere più fiato per rimanere sott’acqua più a lungo (non dovrete svuotare i polmoni per rimanere sul fondo senza muovervi).
  5. Sfruttate il paesaggio sottomarino più che potete, e non spaventatevi se le foto a display sono molto meno contrastate di quello che vedete con i vostri occhi. Spesso le macchine subacquee hanno una gamma dinamica molto povera, e le foto che ne risultano sono molto poco contrastate. Quando aprirete per la prima volta la vostra fotografia in Photoshop, la sequenza Nuovo Livello -> Livelli -> Automatico farà la magia 😀
  6. Se fotografate una modella, istruitela in modo preciso sulle pose che desiderate. Posare sott’acqua non è semplice, se riuscite prima ad illustrare voi alla modella la posa che desiderate risparmierete tempo e fatica ad entrambi.
  7. Se fotografate una modella, informatevi bene prima sulle sue capacità di trattenere il fiato sott’acqua senza emettere bolle e tenere gli occhi aperti. A meno che non abbiate progetti particolari in mente, sono due punti importanti per fotografare e comunicare con una modella.

Spero vi sia utile 😉

Beh ora basta chiacchiere, ecco le mie prime fotografie subacquee:

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-09

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-10

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-03

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-01

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-02

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-04

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-06

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-07

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-08

fotografia-subacquea-fotografia-di-moda-05

Cosa ne pensate di questo primo esperimento? 🙂
Fatemelo sapere commentando il post, oppure partecipando alla discussione su Facebook:

About The Author

matteomalagutti

Solo la fotografia riesce a catturare quel fuggente istante di perfezione nascosto in ogni luogo, e in ogni cosa. Ho viaggiato e fotografato molto, ma spero che questo sia solo l'inizio.

Blog Comments

Sono stupende. Anzi, più che stupende! Bravissimo tu, bravissima (e bellissima) lei.

Grazie Veronica!
Anastasia è sempre bravissima e soprattutto molto paziente, e lo è stata specialmente in questo primo test dove ho incontrato non poche difficoltà!
É sicuramente un campo che intendo approfondire in futuro, spero di averne presto l’occasione 🙂

Aggiungi un commento

*Compilare correttamente i campi indicati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

23 maggio 2016
Shooting fotografico Woods and Waterfalls
Quando l'estate è vicina e le temperature si alzano, cosa c'è di meglio di uno shooting fotografico nel bosco? La modella forse avrebbe qualcosa da ridire, dovendosi immergere quasi nuda...
22 maggio 2016
Ritratti fotografici: intervista al fotografo e spunti per ricominciare
Non pubblico ritratti fotografici né altri post su Facebook da 8 mesi, e ho ignorato questo blog di fotografia per quasi 2 anni, perciò capitemi se mi trovo un po' in difficoltà nel riprendere...
26 giugno 2014
Zombie Walk Bologna 2014
Sembrava impossibile, una cosa da fumetti e film dell'orrore, e invece è successo veramente. Gli zombie hanno invaso Bologna. Ormai sono passate 3 settimane, ma solo oggi sono riuscito a...