Zombie Walk Bologna 2014

Zombie Walk Bologna 2014

Zombie Walk Bologna 2014

26 giugno 2014

Sembrava impossibile, una cosa da fumetti e film dell’orrore, e invece è successo veramente.
Gli zombie hanno invaso Bologna.
Ormai sono passate 3 settimane, ma solo oggi sono riuscito a prendere fiato dai loro attacchi per riuscire a pubblicare questo articolo.
Sono ovunque.
Non c’è scampo.

“Ok” – penserete – “Matte è impazzito. Cancelliamo il suo sito dall’elenco di blog da leggere. Peccato, era un bravo ragazzo…”
Non così in fretta eh. Ho ancora un bel po’ di storie da raccontarvi, e anche se sono un po’ lento a pubblicarle (non sono mica un blogger 😉 ) non voglio risparmiarvene nemmeno una.
Che culo, vero?

Ma torniamo a questa storia.
Zombie Walk Bologna, 2014.
“Ma chi sono, quei matti che si vestono da gente morta e girano per strada facendo versi assurdi e spaventando la gente?”
Bravi, proprio quelli.
Grazie a questo evento ho capito la filosofia che sta alla base di una Zombie Walk, e vi svelerò che gli organizzatori non sono matti… beh forse un po’, ma in senso positivo 🙂

zombie-walk-bologna-2014-evento

Mi sono avvicinato alla Zombie Walk per semplice curiosità. Due anni fa li ho incontrati per strada per caso, e “casualmente” avevo con me una macchina fotografica. Ho scattato un po’ di fotografie, le ho pubblicate sulla mia pagina Facebook e il lato horror della mia personalità ha pensato: non sarebbe male, approfittare di questa manifestazione per costruire una storia fotografica horror!
O magari anche un video… ma io non li so fare i video… peccato.

Beh, quest’anno non mi hanno colto alla sprovvista ma ho ricevuto l’invito su Facebook con un mese di anticipo.
E ho iniziato a giocare anche con i video.
A posto.

Sono entrato in contatto con Jana Daniela, punto di riferimento per l’organizzazione dell’evento, per assicurarmi di potermi muovere liberamente per fotografare e girare video, e sono partito verso la sala trucco con la mia fedele 7D con grandangolo (per le fotografie), e il mio iPhone 5S (per i video), che ormai è un’estensione ufficiale del mio corpo.
Parliamo un attimo del trucco: dimenticate la salsa di pomodoro e le maschere di carnevale, qui si truccava sul serio. Truccatori professionisti che non hanno niente da invidiare agli staff di Hollywood. Impressionante.

Ecco un mini video di backstage, girato, montato e pubblicato in diretta poco prima dell’inizio ufficiale della parata:

La fase di preparazione del trucco è stata anche un’occasione per parlare con organizzatori, make-up artist e appassionati di Zombie Walk, ed è qui che ho fatto un po’ a tutti la stessa domanda cruciale: perché?
La risposta per me è stata una sorpresa, ma di certo non priva di senso.

Una Zombie Walk è un movimento di gruppo, un’occasione di incontro e di divertimento, e un’azione di protesta. Una protesta di un gruppo di non-morti, che si divertono a giocare interpretando ognuno il proprio personaggio, per lanciare un messaggio a tutti i vivi: “I veri zombie potreste essere voi. Senza rendervene conto“.
Un modo di rompere gli schemi in modo estremo, per dimostrare che persino da non-vivi si può essere più pieni di vita di chi subisce una routine quotidiana senza consapevolezza. Poca consapevolezza di affetti trascurati, di un lavoro che si appropria di ogni momento libero, di passioni che appassiscono, del tempo che passa e che non torna indietro per nessuno.
Un invito divertente e innocuo (infarti di spettatori ignari a parte) verso un punto di vista differente, che in un certo modo può somigliare a quello che facciamo io e gli altri membri di Eden Parkour: uno stimolo a cambiare prospettiva.
Ma come, non avete ancora visto le nostre foto di parkour? Date un’occhiata a queste 😉

Tornando a noi, questa è la mia interpretazione video, realizzata perdendo temporaneamente la vista causa montaggio sul mini schermo del mio iPhone, dalle 8 alle 14 della domenica seguente:

Bella notizia, questo video è piaciuto molto a tante persone 🙂

Il 20 settembre ci sarà un’altra Zombie Walk, al castello di Gradara (location decisamente più intrigante), e ci sarò anch’io…. vedremo cosa salterà fuori!

Nell’attesa di Gradara ringrazio ancora tutto lo staff e i partecipanti all’evento, che mi hanno fatto passare una serata divertente in modo decisamente poco convenzionale 😉

Ed ecco le mie fotografie della Zombie Walk Bologna 2014:

About The Author

matteomalagutti

Solo la fotografia riesce a catturare quel fuggente istante di perfezione nascosto in ogni luogo, e in ogni cosa. Ho viaggiato e fotografato molto, ma spero che questo sia solo l'inizio.

Aggiungi un commento

*Compilare correttamente i campi indicati

Articoli correlati

23 maggio 2016
Quando l’estate è vicina e le temperature si alzano, cosa c’è di meglio di uno shooting fotografico nel bosco? La modella forse avrebbe qualcosa da ridire, dovendosi immergere quasi nuda...
22 maggio 2016
Non pubblico ritratti fotografici né altri post su Facebook da 8 mesi, e ho ignorato questo blog di fotografia per quasi 2 anni, perciò capitemi se mi trovo un po’ in difficoltà nel riprendere...
20 aprile 2014
Dopo essere finalmente uscito da un periodo di fuoco tra lavoro, faccende personali e altri eventi vari, vorrei raccontarvi uno di questi “eventi vari” in particolare: si chiama Eden 1.0...