Dietro alla Violenza

Dietro alla Violenza

Voglio parlare delle violenze subite dalle donne, ma non servirebbe parlarne da solo.
Vorrei parlarne con voi.

Mesi fa ho pubblicato la mia prima serie di fotografie contro la violenza sulle donne, ma non penso più che la rappresentino.
Sono troppo “fisiche”.

Pubblico di nuovo qui la galleria, ma potete approfondire la nascita e lo sviluppo del progetto nel mio primo articolo contro la violenza sulle donne.

Leggendo articoli di cronaca, seguendo interviste a donne vittime di episodi di violenza, ascoltando storie di violenza raccontate da chi le ha conosciute da vicino capiamo che la violenza su cui possiamo intervenire, per cambiare le cose, non è quella fisica.
Dietro la violenza fisica c’è un mondo di cui spesso, purtroppo, non si parla.

Molte donne subiscono violenze quotidiane.
Quelle violenze che diventano abitudine.
Quelle che col passare del tempo “è normale che le cose vadano così”.

La violenza di un uomo su una donna non è solo picchiarla.
È anche impedirle di uscire con le amiche, è allontanarla dalle persone a cui è legata, è costringerla a cambiare modo di essere… e questo tipo di violenza è anche nell’immagine della donna nei mass media, quella trasmessa in TV o nei film, quella condivisa online “per farsi due risate”.

Anche bombardare tutto il giorno una donna con immagini di top model da emulare a costo di rovinarsi la vita, è violenza.
Ma queste cose, noi le accettiamo senza problemi.

La cosa che mi lascia più perplesso è che la donna viene sempre e comunque rappresentata come debole e impotente di fronte alla violenza, come vittima di una sfortuna inevitabile, come chi deve sopportare un problema che quasi si è andato a cercare.
Una volta per tutte: la violenza non è un problema delle donne.
La violenza non è una malattia, non è una sfiga che se ti capita, beh, ci dispiace tanto per te.
La violenza nasce dalle persone violente, è un problema di chi è violento e della cultura in cui vive.
Non è affatto banale, perché parliamo sempre di violenza sulle donne: mai di uomini violenti.

Vi chiedete cosa c’entri la cultura?
Provo a spiegarlo visivamente, con una serie di immagini: pubblicità italiane e internazionali, che vedono come protagonista la donna (ringrazio la pagina facebook BADV per gli spunti):

Cosa pensate?
Che considerazione della donna vi trasmettono, queste immagini?
Ecco, questo ci aiuta a capire quanto le nostre deviazioni culturali possano danneggiare l’immagine della donna.

Ho realizzato da poco una seconda serie di fotografie sul tema della violenza sulla donna: questa serie mostra come la violenza possa essere ovunque, come possa nascondersi nelle persone più vicine, anche quelle che si dovrebbero amare… come la violenza sia cieca di fronte a tutto.
Trovate le fotografie alla fine di questo articolo.

Sto approfondendo il tema della violenza sulle donne da più di un anno, e ancora non riesco a rappresentarla nella sua forma più reale. Più nascosta. Più spaventosa.

Non potrò mai vedere queste cose con gli occhi di una donna, per questo ho bisogno del vostro aiuto: vorrei vedere con i vostri occhi e leggere le vostre parole, per poter rappresentare tutto ciò che sta dietro alla violenza, tutto ciò che succede prima, attraverso l’obiettivo fotografico.
Forse, grazie a questo lavoro, alcune donne si accorgeranno di essere in situazioni che nemmeno sospettavano.

Vi invito a condividere un testo, una frase, un’immagine o un video che racconti cosa si nasconde, secondo voi, dietro alla violenza su una donna. Cosa succede prima, cosa è costretta a sopportare una donna… che cosa sfugge agli occhi delle persone che la circondano.
Vi chiedo di parlare di queste cose, attraverso i vostri testi o le vostre immagini, aggiungendo l’hashtag #dietroallaviolenza nella descrizione o nei commenti.

Potete farlo in diversi modi:

– Con un tweet
– Con una foto o un video su Instagram
– Scrivendo sulla bacheca Facebook della pagina Matteomalagutti.com
– Se volete rimanere anonimi, commentando questo articolo. Il vostro indirizzo email non verrà mai mostrato o utilizzato, se non per ringraziarvi di aver contribuito al progetto.

I contributi più significativi saranno raccolti in questa pagina, e saranno il punto di partenza per il prossimo progetto fotografico contro la violenza sulle donne.
Fotografie che spero faranno pensare molti… e forse, cambiare alcuni.

Grazie
Matteo

violenza-sulle-donne-femminicidio-01

violenza-sulle-donne-femminicidio-02

violenza-sulle-donne-femminicidio-03

violenza-sulle-donne-femminicidio-04

violenza-sulle-donne-femminicidio-05

About The Author

matteomalagutti

Solo la fotografia riesce a catturare quel fuggente istante di perfezione nascosto in ogni luogo, e in ogni cosa. Ho viaggiato e fotografato molto, ma spero che questo sia solo l'inizio.